Il Centro2019-12-19T17:38:30+00:00

Anno 2000: in un mondo ancora privo di smartphone, Youtube e social network nasce ad Alba il Progetto Steadycam, Centro di documentazione multimediale all’interno dell’area prevenzione del Servizio Dipendenze Patologiche dell’ASL CN2. Uno sguardo insieme stabile e in movimento (come quello dato dalla steadycam del cinema) rivolto all’universo giovanile: il centro inizialmente crea una banca dati multimediale video sui temi legati a adolescenza, comportamento a rischio, consumo di sostanze: Allo stesso tempo si inizia a sperimentare un modello innovativo di utilizzo degli audiovisivi negli interventi di promozione e prevenzione della salute, promuovendo riflessione e criticità sui temi dei consumi e degli stili di vita a rischio.

Negli anni Steadycam cresce, costruendo una banca dati (link), unica in Italia, di oltre 30.000 record e definendo un metodo di lavoro (link a sezione metodo) ispirato ai principi della media education, e costruendo uno staff (link) di professionisti formato da operatori sociosanitari del Servizio Pubblico e operatori del privato sociale esperti in comunicazione e produzione video.

L’attenzione ai cambiamenti in atto nei media e della tecnologia porta nel 2010 a ridimensionare l’aspetto della catalogazione e archiviazione per ampliare il raggio d’azione al mondo digitale (Internet, social network, videogiochi). Accanto agli storici interventi di promozione della salute, si sono andati sviluppando interventi e progetti che hanno come oggetto di lavoro i media stessi. Diventa centrale il tema della saggezza digitale, ovvero competenze e criticità rispetto agli ambienti online dove relazioni e informazioni sempre più spesso si vanno a formare.

Oggi il Centro Steadycam partecipa a progetti su scala locale e nazionale, lavorando in rete con altri soggetti pubblici e privati. Propone consulenze e percorsi informativi/formativi a ragazzi, insegnanti, genitori e operatori sociosanitari (link a sezione servizi). Attraverso esperienze interattive Steadycam promuove riflessione e criticità su salute in adolescenza e educazione al digitale, coinvolgendo in modo attivo i partecipanti e creando prodotti mediali per comunicare salute in modo efficace.